Val Calanca

Se avete già letto l’articolo del mio blog dedicato al castello di Mesocco, sapete bene quanto io sia legato a questa zona del Grigioni Italiano e come io l’abbia scoperta anni fa. E potete quindi comprendere come io torni sempre ben volentieri in questa parte della Svizzera meridionale.
Questa volta ho voluto fare un’escursione in Val Calanca, la valle formata dal torrente Calancasca, situata in posizione piuttosto isolata a nord dell’abitato dì Grono. Non è stata la prima volta che mi sono avventurato da queste parti, la parte più alta della valle, l’avevo già ammirata dall’alto delle montagne dove si snoda il sentiero Calanca, nella sua prima tappa, quella che parte dal passo del San Bernardino; ma stavolta al posto di avventurami in quota, ho preferito esplorare il fondovalle con una splendida camminata da Arvigo fino a Landarenca.
Per muoversi agevolmente sui sentieri della confederazione elvetica e reperire delle ottime mappe topografiche, io vi consiglio di consultare il sito di SvizzeraMobile e di scaricare l’app sul vostro dispositivo mobile: la cartografia è davvero splendida.

Come per quasi tutte le mie escursioni montane nella Confederazione, gli autobus gialli di AutoPostale mi fanno compagnia
Arrivati ad Arvigo, si attraversa lo splendido ponte antico e si comincia a seguire il sentiero 737 della Val Calanca
Al di là del torrente si ammirano queste splendide case rurali
Il sentiero 737 segue tutta la valle in due tappe, da Grono fino a Rossa. Qui lo seguirò solo nel tratto tra Arvigo e Selma
Un ponticello in legno su di un affluente della Calancasca
Alla fine si arriva a Selma…
…e alla chiesina dedicata a San Rocco
Lì vicino c’è la funivia automatica che userò per la discesa…
…la salita invece, la affronterò camminando
Selma vista dai tornanti della mulattiera
Le montagne che dividono la Calanca dalla Mesolcina, sulla sinistra la Cima di Nomnom, famosa tra gli hikers svizzeri e lombardi
Ed alla fine eccoci arrivati allo splendido borgo di Landarenca

Alla fine della lunga salita, vi consiglio davvero di provare la splendida accoglienza dell’Osteria Landarenca, gustando magari dei funghi, della carne con la polenta, bevendo un buon bicchiere di vino o una birra Calanda, prodotta a Coira, la capitale del cantone. Dopo tanta fatica…

Come arrivare

Per raggiungere questi luoghi, anche questa volta ho usato il sistema dei trasporti pubblici svizzeri: ho lasciato la mia auto nel parcheggio della stazione di Chiasso ed ho raggiunto in treno la stazione di Castione-Arbedo. Appena fuori la stazione, ho preso l’AutoPostale 214 fino alla fermata di Grono-Bivio Calanca. Qui ho aspettato la coincidenza con l’AutoPostale 215 fino alla fermata di Arvigo Paese, mentre per il ritorno ho ripreso la linea 215 poco più avanti, alla fermata di Selma, dopo essere disceso da Landarenca utilizzando la comoda funivia automatica al costo di 4 CHF per corsa, gli euro qui non sono accettati.
Sicuramente, per parametri italiani, i trasporti pubblici svizzeri non sono a buon mercato, ma se avete intenzione di spendere le vostre vacanze nella Confederazione, oppure contate di fare più escursioni durante l’arco di un’anno, potete prendere in considerazione l’idea di acquistare una tessera Metà Prezzo: costa sì 185 CHF (165 ai successivi rinnovi), ma solamente con il risparmio su un biglietto di andata e ritorno tra Chiasso e Zurigo, vi siete ripagati praticamente la metà dell’esborso e poi potete acquistare anche le tessere giornaliere per tutta la Svizzera (riservate ai soli possessori di Metà Prezzo) con un prezzo che va a scalare, a seconda di quanto le compriate in anticipo, e che sono a parer mio molto convenienti, dato che vi danno libero accesso su tutti i treni, gli autopostali, i battelli ed i trasporti urbani. Per saperne di più su qua offerta e anche su altre opportunità: Swisspass e Ferrovie Federali. Nel caso specifico di questa escursione, dato che si svolge all’interno della zona tariffaria Arcobaleno (Canton Ticino e Mesolcina), il prezzo non è elevatissimo: ad oggi il biglietto andata e ritorno, valido per tutto il giorno, costa 38 franchi a prezzo intero, oppure 19 franchi con abbonamento metà prezzo.
La Val Calanca può essere raggiunta anche in auto. Da Milano, con la A9, si raggiunge la dogana di Chiasso-Brogeda, e da qui si procede sull’autostrada svizzera A2, pagando il bollo autostradale di 40CHF, fino allo svincolo di Bellinzona, dove si procede sulla A13 fino all’uscita di Roveredo-Grono, e da qui trovate le indicazioni per la Val Calanca. La vignetta autostradale che acquisterete nel corso di questo viaggio, avrà validità fino al 31 gennaio dell’anno successivo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: